Discariche fotovoltaiche 768 470
Agosto 24, 2020 SOGEAM Nessun commento

In questo articolo vedremo cosa sono le discariche fotovoltaiche e quali sono i loro vantaggi e punti di forza.

La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo indifferenziato e per un tempo indeterminato tutti rifiuti solidi urbani che, in seguito alla loro raccolta, non è stato possibile riciclare o non è stato possibile utilizzare come combustibile negli inceneritori per produrre energia.

Ogni discarica viene progettata per accogliere determinati rifiuti (inerti, non pericolosi e pericolosi) e quindi potrá ricevere solo quel tipo di rifiuto. Inoltre, ogni discarica viene progettata per accogliere un determinato volume di rifiuti e quindi ha una vita limitata che non può essere protratta all’infinito. Una volta giunta ad esaurimento il gestore della discarica dovrà avviare una serie di operazioni affinché la discarica stessa rimanga sotto osservazione per un periodo di almeno trent’anni dopo la sua chiusura. L’obiettivo é quello di renderla utilizzabile per altri scopi attraverso un piano di ripristino ambientale: in genere il terreno superficiale viene utilizzato per la piantumazione.

Negli ultimi anni si è fatta strada una nuova modalità di riutilizzo dell’area adibita a discarica. Esistono ormai in Europa diverse discariche che sono state “solarizzate”. Si tratta in sostanza di ricoprire con pannelli fotovoltaici la superficie delle discariche esaurite. Questa “conversione” comporta dei vantaggi sia dal punto di vista ambientale che dal punto di vista economico. Tecnicamente l’operazione consiste nell’adagiare su una particolare guaina che ricopre la discarica, pannelli fotovoltaici flessibili e calpestabili (diversi da quelli rigidi che mettiamo sui tetti delle case)  in grado di seguire senza difficoltà i movimenti di assestamento della discarica stessa. Infatti ogni discarica, sebbene chiusa e quindi non più destinata a ricevere rifiuti, continua ad assestarsi compiendo a volte movimenti importanti. La guaina su cui sono poggiati i pannelli consente di adattarsi al cambiamento del terreno dovuto a questi movimenti di assestamento.

I vantaggi delle discariche fotovoltaiche

Quali sono i vantaggi dell’utilizzo di questa tecnologia ?

Dalla discarica si crea un rifiuto speciale non pericoloso chiamato “percolato” che deriva dalla decomposizione del cumulo dei rifiuti che viene favorito dalle acque piovane che vanno ad infiltrarsi nel terreno. Questo liquido, venendo a contatto con i rifiuti presenti in discarica, ne raccoglie le scorie e le componenti chimiche inquinanti che rendono un’iniziale ed innocua acqua piovana un rifiuto da dover trattare come rifiuto speciale in appositi impianti di depurazione.

Un altro fenomeno che si crea dalla discarica é lo sviluppo di biogas. Il biogas è il prodotto finale della degradazione microbica della materia organica in assenza d’aria (anaerobica) che si verifica all’interno di una discarica. Il processo di degradazione si svolge in diverse fasi durante le quali la sostanza organica viene prima ridotta in componenti minori e successivamente, trasformata in biogas.

La solarizzazione attraverso l’impiego di pannelli fotolvoltaici flessibili comporta un triplo vantaggio:

  1. Solitamente in ogni discarica il biogas viene captato per generare energia. I pannelli solari aumentano la capacità di captare il metano che si sviluppa naturalmente in ogni discarica in seguito ai processi di decomposizione organica e quindi l’impiego di questa tecnologia contribuisce a produrre più energia;
  2. La copertura fotovoltaica riduce drasticamente le infiltrazioni di acqua nel terreno e con esse la produzione di percolato;
  3. I pannelli impiegati producono ovviamente energia solare grazie all’effetto fotovoltaico, ossia alla conversione diretta della radiazione solare in energia elettrica.

Ai vantaggi appena elencati si aggiunge il fatto che negli ultimi anni l’evoluzione della tecnologia del fotovoltaico ha comportato l’abbattimento dei costi di installazione degli impianti.

L’ Italia ha un primato che condivide solo con gli USA: Roma (nel 2009) e Treviso (nel 2012) hanno visto l’installazione dei primi impianti su guaina con moduli fotovoltaici flessibili. Nella discarica di Malagrotta (Roma) hanno creato un impianto da 750 Kw con una efficienza nominale intorno al 6%. L’efficienza dei moduli installati a Padernello di Paese (Treviso) nel 2012 è più che raddoppiata (dal 6% al 12,6%).

Discarica di Malagrotta
Uno scorcio dell’impianto fotovoltaico flessibile da 750 Kw sulla discarica di Malagrotta (Roma)

Naturalmente il progresso tecnologico non si ferma e gli ultimi moduli lanciati da un’azienda cinese promettono panneli fotovoltaici con una efficienza nominale pari al 15,5%.

Come abbiamo visto oggi, solarizzare la discarica è non solo economicamente sostenibile (anche in assenza di incentivi statali) ma ecologicamente vantaggioso.

Ecco perché questo tipo di soluzione sta avendo sempre più spazio in tutta Europa.

Avatar
Written by Antonio Moffa